Angela Ongaro Art

Angela Ongaro Art

12 Novembre 2021

Come conservare i disegni su carta?

come-conservare-i-disegni-su-carta

Come moltissimi altri oggetti a cui teniamo, anche i disegni su carta hanno bisogno di qualche attenzione per poter durare più a lungo nel tempo.

Non sto parlando del restauro, che dovrebbe essere il più possibile un intervento straordinario, bensì della conservazione, che potremmo paragonare alla manutenzione ordinaria.

Spesso, dedicando un po’ di attenzione alla conservazione di un disegno, è possibile evitare quasi del tutto l’intervento di restauro (più costoso e, a volte, più invasivo) o comunque si può fare in modo che il disegno non si rovini irrimediabilmente.

Molte volte si pensa che la conservazione di un disegno riguardi principalmente la tecnica con cui è stato realizzato (matita, matite colorate o pastello), per far sì che la bellezza dell’immagine raffigurata rimanga intatta. In realtà, tutti i componenti dell’opera sono importanti per la conservazione. Quello più importante, senza il quale un disegno non potrebbe attraversare gli anni e i secoli, è il supporto. Nel nostro caso, la carta.

Solitamente i disegni realizzati su carta o cartoncini vengono conservati in due modi: incorniciati, o chiusi in scatole e cartellette realizzate apposta.

Ecco un paio di consigli utili a seconda del metodo utilizzato per conservarli:

  • In cartellette

Ogni tanto i disegni andrebbero tolti dalle scatole o dalle cartellette dove sono conservati e bisognerebbe arieggiarli, in modo che non restino troppo a lungo in un ambiente (in questo caso la scatola) con condizioni di umidità e temperatura stabili. Una situazione di questo tipo, infatti, potrebbe favorire il proliferare di microrganismi e insetti, che andrebbero a danneggiare la carta del disegno in vario modo.

  • Incorniciati

Ogni dieci anni circa sarebbe buona abitudine smontare il disegno incorniciato, pulire legno e vetro della cornice, e sostituire i pannelli di fondo. Questa accortezza è abbastanza importante, perché tutti i materiali invecchiano e le loro caratteristiche principali vengono meno col passare del tempo (ad esempio, sostegno, protezione da agenti esterni, ecc.).

Quattro elementi da considerare per conservare i disegni su carta

Quelli che seguono sono alcuni consigli generali, che si basano sulle reazioni che la carta ha nei confronti dei cambiamenti di luce, umidità e temperatura. Sono validi sia nel caso in cui l’opera sia stata riposta in una cartelletta, sia che sia stata incorniciata.

1 - POLVERE

È molto importante evitare accumuli di polvere sulla carta, perché oltre a “sporcare” causa gravi danni chimici e biologici.

Infatti, la polvere si comporta un po’ come una spugna: assorbe tutto ciò che incontra nell’aria, anche sostanze dannose per la carta, concentrandole nelle zone dove si è depositata in maggior quantità. Questo porta a un degrado più forte, laddove la polvere è presente.

Inoltre fornisce cibo a insetti e microrganismi vari, che attaccheranno quindi la carta, rovinando anche il disegno a cui fa da supporto.

Per questo i modi migliori per conservare i disegni realizzati su carta sono le cornici (con vetro) o le cartellette, perché limitano fortemente l’accumulo di polvere sulla superficie della carta.

2 - LUCE

L’esposizione costante alla luce diretta del sole può causare danni alla carta.

Per contrastarla, l’ideale sarebbe avere delle tende alle finestre, oppure tenere l’opera in una zona che non riceva luce diretta. Il rischio principale è quello di ritrovarsi delle macchie gialle sul disegno, che si vengono a creare a causa della foto-ossidazione della carta.

3 - TEMPERATURA

Di solito, con temperature sopra i 18°C si favoriscono i metabolismi di insetti e microrganismi già presenti. Nel caso di disegni incorniciati, una buona spolveratura settimanale ridurrà di molto la loro presenza. Per i disegni conservati in cartelletta, può essere fatta un poco più di rado.

La cosa più importante è non avere forti sbalzi termici nell’arco di poche ore o di pochi giorni (ad esempio, accendendo un camino o una stufa per una giornata, quando la stanza è rimasta fredda per mesi). Meglio un cambiamento graduale sul lungo periodo (mensile e/o stagionale), per consentire un assestamento meno traumatico dei materiali.

Questo perché tutti i materiali si adattano alle condizioni esterne. Se queste ultime cambiano rapidamente, i materiali cercano di adattarsi il più velocemente possibile, a volte dando origine a danni fisici (come ad esempio degli strappi, nel caso della carta).

È importantissimo, a questo proposito, non appendere opere d’arte sopra caloriferi e/o camini che vengono accesi durante la stagione invernale. Si vengono infatti a creare degli sbalzi di temperatura molto forti nell’arco di poche ore, e questo porta a uno stress intenso dei materiali, oltre che ad un loro degrado molto più rapido.

4 - UMIDITÀ

La carta è altamente igroscopica, cioè assorbe velocemente il contenuto d’acqua o di umidità di un ambiente.

C’è quindi una stretta relazione tra contenuto d’acqua interno della carta e l’umidità presente nella stanza dov’è posto il disegno. Più la carta contiene acqua (8-10%), più è probabile che si sviluppino microrganismi, soprattutto se la temperatura supera i 18°C.

Anche in questo caso, l’importante è non avere dei forti sbalzi di umidità nell’arco di poche ore o pochi giorni: meglio un cambiamento graduale sul lungo periodo (mensile e/o stagionale), per consentire un assestamento meno traumatico dei materiali.

È molto importante tenere regolata l’umidità degli ambienti al di sotto del 60% con un deumidificatore.

Per fare questo all’interno delle case, basterebbe regolare la temperatura del riscaldamento in modo che non si alzi troppo in poco tempo, arieggiare le stanze e utilizzare un deumidificatore (un ambiente sano per le opere su carta, è tendenzialmente un ambiente sano anche per noi. Giusto per fare un esempio: troppa umidità non fa bene al nostro fisico e, se aggiungiamo anche una certa quantità di polvere, possiamo sviluppare allergie).

Generalmente, una buona condizione di umidità e temperatura sarebbe: umidità relativa tra 45 e 65% (senza forti sbalzi), e temperatura tra 16 e 20°C.

mettere-i-feltrini-dietro-la-cornice-per-conservare-i-disegni-su-carta

Un ultimo consiglio

Una piccola accortezza che si può avere, dopo aver fatto incorniciare il disegno, è quella di applicare dei feltrini dietro gli angoli della cornice.

Questo consente di mantenere una certa distanza tra il quadro e il muro. In questo modo, si limitano gli scambi diretti di umidità che possono esserci tra i due, a vantaggio del disegno (troppa umidità porta infatti a vari tipi di deterioramenti).

Queste sono alcune cose che bisogna considerare, se si desidera che il disegno che amiamo duri il più a lungo possibile.

.
  • Condividi:
Angela Ongaro
Mi presento sono Angela Ongaro, artista e insegnante di disegno. Vivo immersa nei paesaggi montani della Valle Seriana, tra torrenti e sentieri e boschi e laghi. Qui ho imparato a conoscere il potere e la bellezza della natura. Un tesoro che appartiene a tutti noi e in cui tutti possiamo sentire di appartenere a qualcosa. Il nostro mondo. Con tutte le sue meraviglie.
SCOPRI DI PIù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

lasciati ispirare

La bellezza e la natura sono di tutti e hanno il potere di farci sentire più liberi e in equilibrio.

Nella mia newsletter trovi curiosità e approfondimenti sul mondo dell’arte e della natura, per aiutarti a riscoprire il Bello e sentirti più ispirato ogni giorno.

Ti porterò anche dietro le quinte del mio studio, condividendo con te le mie nuove opere e i corsi in anteprima.

Mi iscrivo

Sono Angela Ongaro, artista e insegnante di disegno di Gandino. Disegno e dipingo ciò che mi meraviglia per farti meravigliare insieme a me davanti alle bellezze della Natura. 

© 2022 Angela Ongaro Art | P.IVA 04283460162 | Privacy Policy | Termini e condizioni
Brand & Web design Miel Café Design
usercartcrossmenuchevron-down